Le 9 muse mitologiche greche (2022)

il Muse greche, secondo la mitologia greca, sono le divinità femminili che hanno ispirato filosofi e poeti, motivo per cui presiedono le arti e le scienze.

Secondo questa credenza le Muse erano divinità ma con meno potere delle dee.

Le 9 muse mitologiche greche (1)

Gli studiosi di quel tempo catalogavano le muse come la maggiore fonte di ispirazione che esisteva, avevano un grande valore davanti alla società e illuminavano la creazione nei diversi rami artistici, musicali, scientifici, poetici, tra gli altri.

All'inizio non c'era consenso sulla quantità esatta di muse. Ad esempio, secondo quanto espresso dallo storico greco Pausania del II secolo, le muse prima erano tre: Aedea (canto e voce), Meletea (meditazione) e Mnemea (memoria).

Sebbene il numero di muse greche possa variare a seconda della fonte e degli autori, è generalmente accettato che ce ne siano nove, nati (secondo il mito) di nove notti consecutive d'amore tra Zeus e Mnemosyne, uno dei quali i titanidi.

Le nove Muse

Le nove muse portavano i seguenti nomi e attributi:

  1. Calliope: musa della poesia epica.
  2. Clio: musa della storia.
  3. Euterpe: musa della musica.
  4. Erato: musa dell'arte lirica o poesia lirica.
  5. Melpomene: musa della tragedia.
  6. Polyimnia: musa della retorica.
  7. Thalia: musa della commedia.
  8. Tersicore: musa della danza.
  9. Urania: musa dell'astrologia e dell'astronomia.

1- Calliope

Il suo nome significa "quello della bella voce". Era la più grande e la più illustre, è stata la prima musa ad essere nata, rappresenta la poesia epica e l'eloquenza. Protegge le opere poetiche, le arti retoriche, la musica e la scrittura.

Spesso puoi vederlo rappresentato con una corona di allori, una lavagna, un libro e qualche volta anche lui è stato visto con una tromba.

(Video) Le Muse: Dee delle Arti

Secondo diverse leggende, Calliope è rappresentata come la madre dei cantanti Orfeo e Linus.

Le storie raccontano che ha accompagnato re e principi per aiutarli a imporre giustizia e serenità.

Uno degli autori più famosi della Grecia antica, nel genere della poesia epica, è Homer, che ha scritto L'Iliade e L'Odissea.

Omero e altri autori gridano sempre attraverso le loro opere che le muse sono quelle che garantiscono loro il potere di eseguirle e che sono solo lo strumento che usano per far fluire la meravigliosa e potente arte lirica.

Senza di loro, gli autori non avrebbero la possibilità di eseguire tali lavori. Per questo motivo danno crediti alle muse in ciascuno dei loro libri dando loro una dedica e un'invocazione. Alcune di queste invocazioni dicono quanto segue:

  • Omero, Iliade, 1, 1-7
    "La rabbia canta, o dea, dell'Achille Aquila,
    dannazione, che ha causato gli innumerevoli dolori achei,
    ha fatto precipitare molte vite coraggiose nell'Ade
    di eroi e loro stessi li hanno fatti preda di cani
    e per tutti gli uccelli - e così il piano di Zeus fu adempiuto -
    da quando si sono separati per la prima volta dopo aver combattuto
    l'Atrida, sovrano degli uomini, e Achille, della casta di Zeus "
  • Homero, Iliada, 2, 484-489
    "Dimmi ora, Muse, maestri delle dimore olimpiche,
    perché sei una divinità, sei presente e sai tutto,
    mentre sentiamo solo la fama e non sappiamo nulla,
    chi erano i principi e i capi dei Danao. "
  • Omero, Odissea, 1, 1-3
    "Musa, dimmi dell'uomo abile che nella sua lunga perdita,
    dopo aver distrutto il quartiere sacro di Troia,
    Conosceva le città e il genio di innumerevoli persone. "
  • Esiodo, Teogonia, 104-115.
    "Salute, figlie di Zeus! Concedimi l'incantesimo della tua canzone. Celebra il lignaggio sacro degli immortali eterni, quelli nati da Gea e gli Urani stellati, quelli nati dalla Notte oscura e quelli che hanno allevato Ponto salmastra. (...) E ispirami, Musas, che fin dall'inizio abitano le dimore olimpiche e dimmi cosa è venuto prima. "
  • Esiodo, Teogonia, 1020-1021.
    "E ora, celebra la tribù delle donne, le Muse olimpiche di parole dolci, figlie di Zeus il portatore di egida."
  • Virgilio, Eneida, 1, 8-10.
    "Dimmi le cause, Musa; perché offendere il suo potere divino,
    perché risentimento la regina degli dei
    costretto un uomo, famoso per la sua consegna
    alla divinità, a correre così trance, ad affrontare così tanti rischi ".
  • Virgilio, Eneida, 9, 77.

"Quale dio, dimmi, Musas, ha deviato il fuoco così atroce dal fuoco?"

2- Clio

È la seconda delle nove muse, il suo nome significa "essere famoso" o "celebrare". Era la musa della storia e della scrittura. Protettore della storia e della chitarra.

Nell'antica Grecia la parola "storia" deriva da "kleos", che significa atti eroici, in quel momento c'erano tre tipi di spettacoli drammatici: commedie, tragedie e satire basati su leggende di persone reali appartenenti alla storia.

A Clío piaceva raccontare storie del passato e secondo alcuni miti, fu lei a introdurre l'alfabeto fenicio in Grecia.

(Video) Las Musas en la Mitología Griega #shorts

Gli storici hanno sempre cercato l'approvazione di Clio per assicurarsi che tutto fosse in ordine e in conformità con ciò che realmente accadeva. La documentazione della storia è un aspetto fondamentale della vita perché aiuta le generazioni future a capire com'era il mondo e come è diventato quello che è oggi.

Solitamente rappresentato con un rotolo di pergamena, a volte usava una corona di allori come alcune delle sue sorelle ed è anche la madre di Jacinto, compagno di Apollo.

3- Euterpe

Era la musa della musica, della poesia lirica, delle canzoni e della malinconia poetica. Era la terza delle nove muse e il suo nome significa "quello che delizia".

È accreditato con l'invenzione del doppio flauto, uno strumento con cui viene solitamente rappresentato artisticamente e con il quale può essere facilmente riconosciuto.

Il doppio flauto era estremamente popolare nell'antica Grecia ed era usato dai pastori e dai contadini, veniva anche usato negli eventi sportivi, essendo uno strumento comune nelle feste in onore di Dioniso, il dio del vino. Spesso queste feste potrebbero essere un po 'selvagge e incontrollate.

A causa dell'uso nelle eccentriche feste di Dionisio, l'alta società di Atene cominciò a mettere in relazione l'uso del doppio flauto con scandali e immoralità.

Per questo motivo hanno preferito utilizzare l'arpa, affermando che era molto più dignitoso ed elegante. Hanno anche affermato che chiunque potrebbe imparare a suonare l'aulos (doppio flauto) o persino suonare questo strumento.

Poiché Euterpe è stata la musa della musica, ha fatto in modo che tutti quelli che condividevano lo stesso amore per la musica potessero ottenere l'ispirazione per continuare la loro passione.

Era amata e rispettata da tutti gli amanti della musica, anche da coloro che preferivano altri strumenti. Potevano voltare le spalle al doppio flauto, ma nessun amante della musica poteva dare a Euterpe le spalle.

(Video) El Mito de la Caja de Pandora. Mitología Griega #shorts

4- Erato

La musa della poesia lirica, tra cui amore, erotismo e canzoni. Il suo nome significava "desiderato".

Rappresentata artisticamente dalla lira, una viola e un cigno, altre volte puoi vederlo con una freccia e questo perché è collegato a Eros, il dio greco dell'amore e della passione.

Era la musa preferita di molti poeti e questo può essere perché l'amore e l'erotismo sono stati spesso il soggetto preferito dell'umanità per migliaia di anni.

Andò e invocò questa musa quando voleva esprimere i sentimenti appassionati che erano per la persona amata.

5- Melpomene

Musa della tragedia e teatro tragico. Il suo nome significa "cantante" ed è rappresentato artisticamente con un coltello in mano e una maschera tragica nell'altro. La parola "tragedia" ha la sua origine nelle parole greche "capra" e "canto".

Le tragedie erano comunemente messe in scena durante le feste di Dioniso (re del vino) e le satire erano associate a lui e in quanto metà uomo e metà capra.

6- Polimnia

Musa di retorica, musica sacra, canti sacri e inni ed eloquenza; rappresentato con un dito sulla bocca (che simboleggia il silenzio e la discrezione) con un atteggiamento pensoso, meditativo, serio e con un gomito appoggiato sulla colonna. Il suo nome significa "uno dei tanti inni".

Alcuni la accreditano come la musa della meditazione e sono state invocate da persone che stavano cercando di fare la differenza nella società.

Poteva capire il significato della vita e far entrare la persona in contatto con il suo lato spirituale e religioso. È stato colui che è venuto da coloro che hanno sviluppato una comprensione più profonda della geometria e dell'agricoltura.

(Video) The Story of Achilles in Greek Mythology | Yours Mythically

7- Terpsichore

Musa de la danza, poesia corale e cori drammatici, il suo nome significa "quello che delizia con la danza" ed è rappresentato artisticamente seduto, probabilmente appoggiato alla danza, con uno strumento musicale a corde tra le mani, sia esso una lira o una viola .

È spesso catalogata come la madre delle sirene. Padroneggiare l'arte della danza era una questione di estrema importanza nell'antica Grecia e, come regola generale, uomini e donne non dovrebbero ballare insieme, ma dovrebbero farlo in gruppi raggruppati in base al sesso.

Le famiglie benestanti assumevano istruttori di danza privati ​​per i loro figli e anche le reclute militari dovevano essere addestrate in questa zona perché, secondo il filosofo Platone, coloro che non padroneggiavano l'arte della danza mancavano di istruzione.

8- Talía

Musa dell'arte, della commedia e della poesia bucolica (pastorale), solitamente rappresentata con la maschera della commedia in una mano e nell'altra il bastone del pastore o una tromba.

A quel tempo, le commedie erano popolari come lo sono oggi ma con la differenza che solo agli uomini era permesso di agire, quindi le maschere erano di vitale importanza.

Questa musa conferiva veramente felicità alle persone, era divertente e allegra. Attualmente, il suo nome continua ad essere popolare.

9- Urania

Musa di astrologi, astronomia, scienze esatte e poesia didattica.Rappresentata con una bussola o una sfera in una mano e una punta nell'altra, vestita con un mantello coperto di stelle con gli occhi sempre rivolti verso il cielo.

È associato all'aspetto mitico della vita, era un esperto nelle interpretazioni delle stelle e poteva predire il futuro.

Essendo anche un esperto di astronomia, conoscevo la posizione di tutte le stelle e di tutti i pianeti.

(Video) How Was Athena Born In Greek Mythology? | Mythical Madness

Dati extra

  • Ci sono rapporti che attribuivano due residenze muse: uno sul monte Parnaso, che fu consacrata da Apollo, ai piedi di questa montagna, la fonte di Castalia era e non v'è venuto gli artisti a purificarsi prima di entrare nel tempio di Dio La sua altra residenza era un santuario che si trovava sull'Helicon, la montagna più alta della Beozia, dove si trova la fontana Hipocrene.
  • Non è fino a circa dopo il 401 aC. quando Platone e altri autori neoplatonici affermano che ci sono nove intermediari delle Muse tra gli dei e il poeta, artista o creatore intellettuale.
  • Zeus è il padre delle muse greche, considerato come "il padre degli dei e degli uomini", dio dello zelo e del tuono che secondo la mitologia greca era il re degli dei e li governava come un padre per una famiglia.
  • Mnemosyne, la madre delle Muse greche, era una titanica (femmina di "Titan", razza di potenti dèi che governava l'età dell'oro) dea della memoria. In altre parole, era la personificazione della memoria. Figlia di Gea e Urano.
  • Il successo di diversi autori, politici, artisti e altri, secondo la mitologia greca, era dovuto a una o più muse che li guidavano per ottenere il trionfo.
  • Qualsiasi istituto di apprendimento rispettabile dovrebbe avere un altare per onorare le muse, infatti, la parola "museo" viene dai greci e significa "tempio delle muse".

Ci sono altre parole la cui origine etimologica è legata alla parola "muse" sono:

  • Mosaico: proviene dalle nove muse e significa che appartiene alle muse.
  • Musica: questa parola è "arte e musa" e in termini generali significa l'arte delle muse.

riferimenti

  1. Boldrini, Agustina (2014). "Le muse greche". Tratto da lavoz.com.ar.
  2. Cartwright, Mark (2012). "Musa". Tratto da ancient.eu/muse.
  3. Doyle Burns, Phyllis (2016). "Muse: Nove Dee dalla mitologia greca". Tratto da owlcation.com.
  4. Santiago, María (2012). "Le muse greche". Tratto da redhistoria.com.
  5. McKechnie, Brian (2013). "Le nove muse della mitologia greca". Tratto da owlcation.com.

Videos

1. Eros: God of Love in Greek Mythology | Yours Mythically
(Yours Mythically)
2. The Story About Mimir’s Head In Norse Mythology | Yours Mythically
(Yours Mythically)
3. Short story about THE NINE MUSES | how SIRENS were born
(MM-MYSTICAL MYSTERY)
4. Which Greek God would you pick to protect you?
(Imperium Populorum)
5. How Did Baldr Die In Norse Mythology? | Yours Mythically
(Yours Mythically)
6. Medusa: La Storia della Sacerdotessa Maledetta - Mitologia Greca - Storia e Mitologia Illustrate
(Storia e Mitologia Illustrate)

Top Articles

You might also like

Latest Posts

Article information

Author: Greg Kuvalis

Last Updated: 08/16/2022

Views: 6066

Rating: 4.4 / 5 (75 voted)

Reviews: 90% of readers found this page helpful

Author information

Name: Greg Kuvalis

Birthday: 1996-12-20

Address: 53157 Trantow Inlet, Townemouth, FL 92564-0267

Phone: +68218650356656

Job: IT Representative

Hobby: Knitting, Amateur radio, Skiing, Running, Mountain biking, Slacklining, Electronics

Introduction: My name is Greg Kuvalis, I am a witty, spotless, beautiful, charming, delightful, thankful, beautiful person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.